green

17 marzo 2014

Batlle i Roig - strutturare un paesaggio sostenibile

Lo studio BATLLE I ROIG ARQUITECTES viene fondato dai Enric Batlle e Joan Roig nel 1981 e si struttura da subito luogo di convergenza per diverse discipline: dall'ingegneria alla tecnica dell'architettura, al paesaggio, all'ambiente. Ogni progetto viene affrontato mediante una suddivisione tematica in vari team di progettazione, senza che essa configuri gruppi rigidi e impermeabili, ma al contrario permettendo uno scambio più approfondito di informazioni per l'evoluzione del progetto. Tra le opere che lo studio ha realizzato negli ultimi anni rilevano senz'altro alcune che, confrontandosi con la grande scala del paesaggio o con quella sub-urbana, rappresentano una felice ricomposizione dell'eterno conflitto che si genera tra la spinta antropizzatrice dell'azione umana e la tendenza naturale dell'ambiente a ri-appropriarsi di grande parti di territorio ad esso sottratto.

Il recupero dell'ex discarica di Garraf (Spagna) è assunto oggi come paradigma per azioni di rinaturalizzazione di territori delicati come sono quelli precedentemente sottoposti alla sversamento dei rifiuti. L'area di progetto presentava una ancor più urgente necessità di intervento essendo parte del Parco naturale di Vall d'en Joan, parco dal forte carattere silvestre nonostante la sua vicinanza a Barcellona. Lo studio ha avuto il triplice compito di risolvere il problema tecnico della discarica ormai chiusa, generare un nuovo spazio pubblico e configurare un nuovo paesaggio; è stato quindi essenziale l'approccio multidiscplinare che rappresenta una delle migliori skill dello Studio. Il progetto finale, sfruttando l'orografia del sito realizza una nuova immagine ambientale in armonia con il paesaggio costituita da un sistema di terrazzamenti coltivabili e gradoni che, oltre allo specifico compito della stabilizzazione del materiale sottostante, concretizza uno spazio pubblico tipologicamente ibrido e in equilibrio con la natura agreste del parco.




Il progetto dell'Impianto per il trattamento rifiuti a Vacarisses - CTRV (Spagna) istituisce un nuovo assetto per un area dove insiste una discarica che si avvia all'esaurimento del ciclo di vita. Dall'esigenza di minimizzare costi di gestione e impatto ambientale nasce l'idea di progettare in loco una struttura in grado di trattare rifiuti. Lo Studio concepisce allora un grande edificio-impianto che cerca una faticosa riduzione del suo impatto ambientale armonizzandosi con la topografia della valle. Una grande copertura orizzontale si piega a celare gli impianti di trattamento sottostanti. Il suo ruolo non è eminentemente funzionale: gli è anche affidato il compito di risparmiare energia e recuperare risorse naturali come acque meteoriche e luce, nonché un ruolo ancor più difficile, quello di cercare una pacificazione con l'ambiente per mezzo di grandi oculi di terra che ospiteranno futura vegetazione naturale.



 
 
L'Atlantic park a Santander (Spagna), i cui lavori si sono recentemente conclusi, è stata una ulteriore occasione per un confronto con area dalla forte vocazione naturale, con la presenza di un grandi stagni e zone umide, inserita in un contesto fortemente urbanizzato. L'obbiettivo di realizzare un grande spazio pubblico per eventi all'aperto e allo stesso tempo preservare l'ambiente naturale tentandone al contempo una valorizzazione viene ottenuto attraverso un gioco dinamico di sostruzioni digradanti verso il centro dell'area dove il precedente stagno viene espanso a configurare un nuovo lago adiacente al canneto. Il lago diventa la quinta orizzontale per il palco del nuovo teatro all'aperto le cui tribune si ibridano con il contesto. Un rete di percorsi innervano tutta l'area di progetto ancorandosi al perimetro, connettono centralità importanti presenti come l'università, penetrano nell'area del teatro e si addentrano canneto senza invaderlo ma garantendo un percorso pienamente naturalistico a pochi passi dal caos cittadino.